Ciao a tutti come state? Spero tutti bene. L’estate si fa sentire anche se ci sono giorni in cui fa meno caldo ma c’è un’umidità fastidiosa……. Oggi vi racconto una serata passata in famiglia con zia Stella, Paoletta, i piccoli e ME, a Parco da Vinci.

Mele Raffaele

La mattinata è passata, Paola è andata a fare gli ultimi acquisti ai saldi di Luglio in compagnia di Chiara, papà è rimasto a casa, con Gabry, Carola e Benny…… Immaginatevi voi…….. non sto nemmeno in forma………. Quindi a parte Benny, gli altri due fuori in balcone…….. fino a che non torna mamma……..!

La giornata prosegue, con i piccoli si guarda un film insieme e intanto papà sistema i suoi blog e i suoi social media. Nel frattempo ricevo un messaggio su Whatsapp dal mio amico Marco che mi chiede consiglio su quale computer portatile comprare e mi dice che sarebbe andato da Mediaworld alle 18.00. Quale occasione migliore per incontrarci, ho pensato io, cosi ci mettiamo d’accordo che per le 18.00 ci vediamo a Parco da Vinci qui a Fiumicino.

Dopo poco rientra Paola a casa e non contenta di essere già stata fuori a fare spese con Zia Chiara mi dice che Zia Stella per i piccoli, Stella per noi grandi….. un’amica di Paola di vecchia data, anzi sicuramente il rapporto va ben oltre l’amicizia. Oltre ad avere condiviso molto tempo insieme al G.A.M. gioventù ardente mariana, sono rimaste molto attaccate e unite anche dopo, fino ad arrivare ad oggi……insomma che Zia Stella sarebbe passata a trovare i piccoli……..

Vado da Marco a parco da Vinci

Arrivano le 17.30 circa, io inizio a prepararmi per andare da Marco, un paio di messaggi e alle 18.oo sono lì da lui davanti a Mediaworld. Mentre in macchina percorro la strada per andare da Marco vedo i cartelli che indicano che proprio in quel giorno, il 28 luglio, a Parco da Vinci dalle 21.00 ci sarà un concerto.

Ogni anno viene organizzato uno spettacolo, negli anni precedenti ci sono stati dei comici oltre che conosciuti molto simpatici, come Maurizio Battista e Andrea Perroni…… ma hai capito chi è?????

…… troppo forte….

Quest’anno ci sarà un concerto e i cantanti saranno Ron, Michele Zarillo e Umberto Tozzi. Io me ne ero completamente dimenticato……

Arrivo da Marco, quando ci vediamo è sempre una festa, non passano nemmeno 5 minuti che iniziamo a dire stupidaggini e ci uccidiamo dalle risate, del resto lo facevamo anche a 20 anni perché non dovremmo farlo adesso. Ogni incontro è un momento di distensione e di distrazione, si lascia tutto fuori e si inizia a parlare un po’ di tutto. Questa è una delle tante cose che ci tiene vicini e amici da sempre.

Quindi entriamo da Mediaworld…….. e voi pensate: saranno andati a vedere il computer per Marco?

A Roma si dice……..ma de che!

Anche da Mediaworld, tra le corsie dei computer, a parlare di affari nostri, nulla a che vedere con i computer, non faccio esagerazioni, eravamo fermi davanti al punto della Apple e abbiamo parlato almeno un’ora lì davanti.

Ogni tanto passava un commesso a vedere cosa stavamo facendo…….. quindi alla fine dopo un’ora e mezza abbiamo deciso di chiedere informazioni sul portatile per Marco e nemmeno l’abbiamo comprato! Il tutto, info dal commesso e decisione finale, 10/15 minuti.

Poi siamo usciti da Mediaworld, abbiamo finito la conversazione e mentre ci stavamo per salutare ho dato una letta veloce ai messaggi e ho scoperto che Paola con Zia Stella e i bambini erano anche loro a Parco da Vinci. Allora con Paola ci diamo appuntamento davanti alla Conad, saluto Marco e li raggiungo.

Per chi non conosce Parco da Vinci è un centro commerciale all’aperto, stile americano, se vi capita di fare un salto ad Orlando in America trovate questa tipologia di Centro Commerciale, simili nella struttura anche a quello di Castel Romano.

Io preferisco questo tipo di strutture all’aperto, dove è possibile fare una passeggiata e avere a disposizione ugualmente una selezione di negozi.

Quindi esco da Mediaworld e mi dirigo verso la Conad, dalla parte opposta rispetto a dove sono io. Le distanze non sono enormi, a piedi sono 10 minuti, ma io riprendo la macchina e in 2 minuti sono da loro.

Arrivato alla Conad

Arrivo alla Conad, mamma e zia sono sedute sulla panchina e i piccoli invasati sono sulle giostrine accanto all’entrata del supermercato. I piccoli s’imbucano nei giri degli altri bambini, urlano, strillano tutti contenti e giocano con altri bambini, mamma e zia tagliano e cuciono…….

A un certo punto, siamo giunti alle 19.30-20.00, Zia Stella dice che facciamo? Mangiamo? Allora noi subito accettiamo l’invito e pensiamo di prendere un pezzo di pizza alla Conad da mangiare on the road. Ma zia Stella subito corregge il tiro e dice, ma no dai andiamo verso di là…. ovvero dalla parte opposta da dove venivo io prima, lì c’è una pizzeria al taglio dove ci possiamo sedere. Noi un po’ spaventati sapendo che a breve sarebbe iniziato il concerto, accettiamo ma con riserva………

Concerto inaspettato: pizzeria con tavolino vista concerto…..

Arriviamo alla pizzeria, Paola e Stella entrano e tutto sommato non sembra ancora tanto affollata. Io vedo un tavolino all’esterno libero, mi fiondo e lo occupo. Ci accomodiamo, non fa molto caldo, l’atmosfera è tranquilla, siamo per puro caso a ridosso del palco, con una visuale che abbraccia sia il palco che il back stage.

Arriva la pizzaaaaa, pizza al taglio con la mozzarella, con il prosciutto, e l’altra non mi ricordo….. ma una cosa è sicura, la pizza era veramente buona, i bambini impegnati a mangiare erano tranquilli, Benny è la mejo non se vede e non se sente e noi tre grandi abbiamo trovato un attimo di tregua………

Siamo giunti alle 21.00 e, tra un pezzo di pizza e una chiacchiera, iniziano le prove finali. Sul palco c’è Ron che prova i microfoni e fa qualche pezzo, la band prova gli strumenti e i coristi scaldano la voce, tutto dal vivo. Devo dire, che il tutto è svolto con molta professionalità, anche se il pubblico è una manciata di persone che comunque risponde agli artisti.

Noi sempre al tavolino, non lo molliamo, iniziamo a goderci la serata che tra qualche minuto sarebbe iniziata. Quindi arriva per noi un concerto inaspettato. Red Ronnie presenta l’evento, apre il concerto e introduce Rosalino Cellammare in arte Ron. I più giovani sicuramente faranno fatica a capire chi è, i più anziani lo conoscono bene, io qualche canzone la conosco ma quella che mi è rimasta nel cuore è “Vorrei incontrarti tra cent’anni”.

Ve la ricordate……………

E infatti, dopo qualche brano un po’ più nuovo, arriva proprio questa e la dedico a Paola.

La serata continua, sono già le 23.00, ma con tre bambini piccoli, di più non si può fare. C’è il tempo mentre torniamo indietro di abbracciare Paola e di ballare un lento per un minuto………nel nostro concerto insaspettato……..!

Grazie Zia Stella!

Conclusioni:

Quando meno te l’aspetti, riesci a passare dei momenti belli e rilassanti, non sempre c’è bisogno di organizzare tutto. Qualche imprevisto o uscita non programmata, si può trasformare in un piacevole momento. Così è stato anche per noi, con il concerto inaspettato.

Se passate da queste parti fate un fischio, sicuramente qualcosa da fare lo troviamo………

PS: il concerto era talmente inaspettato che mi si è scaricato il telefono e non ho foto 😉

Ciao a Presto

Raffaele